Archivi tag: arredamento bar

Il terremoto, il cratere e il coraggio | Mastro T arreda Enjoy

Camerino, 2014-2017.

L’università ma anche il desiderio di lavorare, l’idea di aprire un bar, le birre, la musica, i giovani, tanti giovani, tanti quanti ce ne possono essere in una città universitaria. Il divertimento e la spensieratezza nonostante i piccoli, grandi affanni quotidiani. L’ambizione, la lungimiranza e il progetto di aprire una pizzeria accanto al bar, per offrire un ulteriore servizio e magari guadagnare anche di più. L’entusiasmo e la tenacia che permettono di ottenere un mutuo per realizzare quel progetto. L’inizio dei lavori e la fine, Mastro T che pensa alla realizzazione dell’arredamento, quindi l’inaugurazione del nuovo locale. La soddisfazione e ancora una volta l’entusiasmo, la gioia. Poi solo dopo due mesi, una lunga scossa e il sogno che svanisce.

Zona rossa. Bisogna evacuare, in fretta. Solo macerie, fuori e dentro. Il dispiacere, lo sconforto e la paura. Quella che ti spinge a fuggire e magari a ricominciare da un’altra parte. Ma dove? “Andate al mare”, dicono all’unisono, “andate al mare!”. Non tutti sono fatti però per migrare. Chi parte lo fa per necessità, per curiosità o per trovare la felicità. Chi non deve, chi non è curioso, chi è già felice, allora resta. Chi decide di restare non può essere spostato da un’altra parte perché significherebbe farlo morire, un po’ come un pesce d’acqua dolce nell’acqua salata. “Andate al mare”, dicono, “andate al mare”.

Anche il protagonista di questa storia decide di andare al mare. Lui già pensa a un nuovo locale da aprire, perché, sì, è dispiaciuto e impaurito ma non gli manca il coraggio né la forza di reagire. “Prima mi alzo in piedi, prima ricomincio a camminare”. Va al mare, dunque, ma poi ritorna in quel borgo in cui tutto ancora trema. È lì il suo posto. È lì che richiama Armoni Design e Mastro T, è lì che inaugura Enjoy, bar-pub-pizzeria. Enjoy! Nonostante le incertezze e il coro in sottofondo “andate tutti al mare, andate tutti al mare”.

Se lo scordino lo spopolamento delle zone montane e pedemontane. Il pesce d’acqua dolce se deve morire vuole morire nel fiume.

 

Lascia un commento

Archiviato in design, falegnameria, uncategorized